Le Dolomiti e la luna: la leggenda dei Monti Pallidi

autor: Diego Cuzzolin

11/01/2019 AUTOR: Diego Cuzzolin
Le Dolomiti e la luna: la leggenda dei Monti Pallidi

“Forse non tutti sanno che le Dolomiti vengono chiamate anche Monti Pallidi a seguito di un prodigioso incantesimo avvenuto ai tempi dell’antico Regno delle Dolomiti, quando la roccia delle montagne aveva lo stesso colore scuro delle Alpi.
Tale regno era ricoperto di prati fioriti, boschi lussureggianti e laghi incantati. Ovunque si poteva respirare aria di felicità e armonia, purtroppo però non nel castello reale.
Bisogna infatti sapere che il figlio del Re aveva sposato la Principessa della Luna, ma un triste destino condannava i due giovani amanti a vivere eternamente separati. Il Principe non poteva sopportare l’intensa luce della luna che l’avrebbe reso cieco, mentre la Principessa sfuggiva la vista delle cupe montagne e degli ombrosi boschi che le causavano una malinconia talmente profonda da farla ammalare gravemente.
Ormai ogni gioia sembrava svanita per i due sposi e solamente le oscure foreste facevano da solitario rifugio al povero Principe. Ma si sa, però, che proprio le ombrose selve sono luoghi popolati da curiosi personaggi, ricchi di poteri sorprendenti e capaci di rovesciare inaspettatamente il corso degli eventi.
Ed è così che un giorno, nel suo disperato vagare, il Principe si imbattè nel Re dei Salvani, un piccolo e simpatico gnomo in cerca di una terra per il suo popolo. Dopo aver ascoltato la triste storia del giovane sposo, il Re dei Salvani gli propose, in cambio del permesso di abitare con la propria gente questi boschi, di rendere lucenti le montagne del suo regno. Siglato il patto, gli gnomi tessero per un’intera notte la luce della luna e ne ricoprirono tutte le rocce. La Principessa potè così tornare sulla terra per vivere felicemente assieme al suo sposo e le Dolomiti presero il nome di Monti Pallidi, mentre i boschi si popolarono delle leggendarie creature che ancora oggi rendono possibili la magia e l’incanto di queste montagne.”

Questa celeberrima leggenda conferma come sia indissolubile il legame tra la luna e le Dolomiti, tra la magia della luna e la magia delle Dolomiti.

La luna spunta dalla cresta della Gusela del Nuvolao
La luna spunta dalla cresta della Gusela del Nuvolao

Veder spuntare la luna tra le guglie, lasciarsi inondare dalla sua luce pallida che cambia il colore alle pareti, osservare il tramonto lunare tra le forme misteriose di queste fantastiche montagne sono esperienze che non possono lasciare indifferenti e personalmente mi riempiono di gioia e di stupore.
Per osservare la luna tra le Dolomiti il mio periodo favorito è sicuramente l’inverno, quando i cristalli di neve si esaltano sotto la sua luce e si crea quell’atmosfera magica che ti fa superare il freddo e la neve.
Condivido qui sotto qualche scatto dei momenti più belli che la luna e i Monti Pallidi mi hanno regalato; potete vederne altri sulla nuova galleria “MOON & DOLOMITES” che trovate nella home. Spero di poter condividere con voi un po’ dello stupore e della gioia che ho provato in quegli istanti.

GUARDA LA GALLERY

, , , , , , , , , ,

Comments ( Comments)